Communicato stampa: Free European Hostages in Iran, 18 maggio 2022

L’arresto a Teheran di due turisti francesi e l’annuncio che la condanna a morte di Ahmadreza Djalili sarà eseguita il prossimo 21 maggio confermano che la strategia scelta dalla Repubblica islamica per influenzare i negoziati in corso, fino ad arrivare a sabotarli e a compromettere ogni rapporto con l’Europa, e per ottenere la liberazione dei suoi agenti già intercettati, giudicati o condannati in vari paesi, poggia in maniera sistematica sul sequestro di ostaggi.

Finora la diplomazia non è stata capace di garantire il rilascio dei cittadini europei presi in ostaggio.

Chiediamo ufficialmente a tutti i governi europei e ai vertici delle istituzioni europee di fare fronte comune affinché la prosecuzione dei negoziati con la Repubblica islamica sia subordinata all’immediato rilascio di tutti i cittadini detenuti o condannati in Iran con pretestuose accuse di minaccia alla sicurezza nazionale, a cui nessuno crede.

Per l’opinione pubblica delle nostre società non è più tollerabile mantenere relazioni con uno Stato che viola sistematicamente le regole della diplomazia e ne ignora i principi. È inaccettabile e indegno continuare ad alimentare questa catena di sequestri di ostaggi. La Repubblica islamica ha palesemente scelto come suoi partner privilegiati dei regimi irrispettosi dei diritti umani e delle convenzioni internazionali. Nel rispetto del popolo iraniano e dei diritti dei suoi cittadini, lasciamo il governo della Repubblica islamica alle sue inclinazioni e alle sue abitudini nordcoreane e aspettiamo che ritrovi la ragione e la decenza. Se l’obiettivo dei Guardiani della Rivoluzione, che sono presumibilmente all’origine di questi arresti infondati, è quello di sospendere i rapporti con l’Europa, diamo loro questa soddisfazione, dal momento che nessuna concessione potrà mai ammansirli, ma potrà al massimo farli scatenare ulteriormente. È compito delle altre istituzioni iraniane spiegare al proprio pubblico i costi della loro politica.

Famiglie, amici e sostenitori degli ostaggi europei detenuti in Iran

freeeuropeanhostages@gmail.com


Vous aimerez aussi...