Brutale reincarcerazione di Fariba

Siamo venuti a conoscenza con sgomento e indignazione del ritorno in carcere nella prigione di Evin di Fariba Adelkhah, direttrice di ricerca al CERI Sciences Po, vincitrice del Premio Irène Joliot Curie per la donna scienziato dell’anno 2020, arrestata a Teheran il 5 giugno 2019, condannata a cinque anni di prigione sulla base di accuse infondate, senza alcun processo degno di questo nome, e trasferita agli arresti domiciliari dall’ottobre 2020.

Il governo iraniano si sta servendo cinicamente della nostra collega per obiettivi di politica estera o interna che non sono chiari, ma che non hanno nulla a che fare con le sue attività. Fariba Adelkhah è una studiosa rigorosa e indipendente, e da oltre due anni e mezzo è una prigioniera scientifica.

Mentre la pandemia da Covid prosegue a pieno ritmo, il governo iraniano mette deliberatamente in pericolo la salute di Fariba Adelkhah e persino la sua vita – la morte in carcere del poeta e regista Baktash Abtin sabato scorso ha dimostrato la sua incapacità o mancanza di volontà di garantire la sicurezza dei suoi prigionieri.

Chiediamo alle autorità francesi, ai rappresentanti della Repubblica francese, ai governi e ai rappresentanti degli altri paesi d’Europa di mobilitarsi per ottenere il rilascio immediato e incondizionato dei loro cittadini arbitrariamente detenuti dall’Iran.

Comitato di sostegno di Fariba Adelkhah



Citer ce billet
Sandrine Perrot (2022, 12 janvier). Brutale reincarcerazione di Fariba. Fariba Adelkhah & Roland Marchal Support Committee. Consulté le 20 mai 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/op6y

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search